come rintracciare un telefono

Come rintracciare un telefono – 7 metodi a tua disposizione

Come rintracciare un telefono non è una curiosità, ma un bisogno che può nascere in chiunque. Infatti, sebbene siamo soliti assicurarci di avere il telefono sempre con noi, non è affatto raro che questo venga smarrito.

Anzi: secondo le statistiche riportate da Asurion, nel 2020 è stata persa una media di 21’000 telefoni al giorno, sia che essi fossero imputabili a furti o a distrazione.

Come rintracciare un cellulare una volta che ci accorgiamo della sua scomparsa? Come possiamo essere certi che il barista non lo abbia effettivamente visto e non lo stia nascondendo dietro il bancone o sapere dove l’ha portato un eventuale ladro?

Esistono diverse soluzioni che permettono di rintracciare un cellulare gratis o meno, ognuna con un suo grado di efficienza e varietà di applicazioni. In questo articolo in particolare, ti offriamo una panoramica completa così che tu possa scegliere quale sfruttare nel tuo caso.

In quali casi hai bisogno di localizzare il tuo telefono?

Prima di vedere nel dettaglio i sette metodi che abbiamo scelto per te oggi (tutti selezionati per efficienza e facilità di applicazione), facciamo un passo indietro e proviamo a valutare in quali circostanze queste soluzioni possono tornarci utili.

Infatti, la maggior parte di questi metodi funziona solo se si sono presi degli accorgimenti prima e molto spesso le persone non prendono in considerazione questa eventualità perché si sentono al sicuro da potenziali rischi.

Ma, come abbiamo visto in precedenza, probabilmente anche le 21’000 persone che perdono il telefono ogni giorno la pensano allo stesso modo.

Quali sono quindi i casi in cui torna utile poter localizzare un telefono? 

In caso di smarrimento

La circostanza più comune e più realizzabile: abbiamo sempre con noi il nostro telefono e questo comporta la possibilità di lasciarlo in giro senza rendercene conto. Quanti telefoni sono stati lasciati appoggiati su un tavolo, quanti appoggiati su un muretto?

Basta un momento di distrazione per smarrire un oggetto che talvolta costa migliaia di euro e quando ce ne accorgiamo potrebbe già essere troppo tardi. 

In caso di furto

Questo è uno dei classici rischi che pensiamo possano colpire gli altri ma non noi, ma in realtà i telefoni sono molto esposti alla possibilità di furto. In particolare per le donne, in cui basta una mano infilata di soppiatto nella borsa per appropriarsi del dispositivo.

Un tempo, chiunque rubava un telefono gli levava immediatamente la batteria per renderlo non rintracciabile, ma con i nuovi smartphone è più complesso. Per questo, a seguito di un furto, abbiamo un piccolo arco di tempo in cui è possibile agire e un sistema di tracciamento può risultare molto utile. 

Per i nostri figli

Ogni ragazzo e ragazza ha bisogno del proprio smartphone: per rimanere in contatto con i propri amici, per parlare con la propria famiglia, per poter comunicare alla madre in ogni momento dove si trova.

Ma i bambini e i ragazzi tendono anche a essere più sbadati e non è affatto raro che un telefono venga smarrito durante le ore di gioco. Per questo un genitore potrebbe voler prendere delle precauzioni in modo da poter rintracciare il dispositivo in caso di smarrimento.

Inoltre, in questo caso, questi metodi svolgono la duplice funzione di poter rintracciare il proprio figlio qualora questi si perda o venga allontanato da qualcuno. 

Metodo 1. App per localizzare un cellulare tramite GPS

Il primo metodo che ti andiamo a illustrare è quello di un’app per localizzare un cellulare. Non si tratta della soluzione più economica, ma sicuramente di quella più efficiente e funzionale in ogni caso, per questo abbiamo deciso di parlarne per prima.

Rintracciare un telefono richiede innanzitutto l’accesso alla funzionalità GPS integrata nel dispositivo, qualsiasi metodo scegliamo. Nella maggior parte dei casi, però, non è facile capire come rintracciare la posizione di un cellulare né tantomeno come ottenere questa informazione.

Fortunatamente per noi, il tutto viene automatizzato da mSpy, l’applicazione che abbiamo preso in esame nel nostro articolo.

Funzioni di mSpy

mSpy è un programma, disponibile sia su dispositivi con sistema operativo Android che iOS, nato per il controllo parentale e che permette un controllo completo del dispositivo su cui viene installato.

Tra le numerose funzioni che integra al suo interno, infatti, troviamo:

  • Possibilità di rintracciare la posizione del cellulare tramite il GPS.
  • Creazione di “zone sicure” con conseguente notifica qualora il dispositivo esca da esse.
  • Pannello di controllo disponibile su qualsiasi dispositivo che possa navigare su Internet.

mSpy ha decine di altre funzioni, ma queste sono quelle dedicate in particolare al nostro caso. 

come rintracciare un cellulare

Come utilizzare mSpy?

Il processo di utilizzo è estremamente semplice:

  1. Vai sul sito di mSpy e registra un account tramite il quale sarà possibile sottoscrivere l’abbonamento preferito e scegliere il sistema operativo del telefono.
  2. Scarica mSpy sul dispositivo da controllare e instalarlo (ci vogliono circa 5 minuti per l’intero processo).
  3. Clicca su “Start” e comincia a monitorare la posizione del dispositivo.
ProContro
Numerose funzioni tra cui anche il tracciamento.Il prezzo può essere alto per qualcuno.
L’app è nascosta quindi un malintenzionato non si accorge della sua presenza.
Tracciamento in tempo reale.
Metodo facile da utilizzare anche per gli utenti meno navigati. 

Metodo 2. Geolocalizzare un cellulare con “Trova il mio dispositivo” di Google

Il secondo metodo della nostra guida è quello rappresentato dalla funzione “Trova il mio dispositivo” di Google. Uno degli aspetti positivi di questa funzione è che è valida per chiunque abbia un account Google associato al proprio telefono (quindi praticamente chiunque) così che possa essere la risposta anche a chi si chiede come rintracciare un iPhone senza “trova il mio iPhone” (di cui parleremo dopo).

app per localizzare un cellulare

Come utilizzare questo metodo?

Il primo passo da compiere è quello di assicurarci che sul nostro dispositivo si sia effettuato un accesso all’account Google. Questo potrebbe risultare superfluo nella maggior parte dei casi, in quanto siamo soliti accedere per usare servizi come Gmail o Maps, ma è meglio accertarcene finché ne abbiamo la possibilità.

Quindi è sufficiente cercare su Google (dopo aver effettuato l’accesso con il tuo account) “Trova il mio dispositivo” e il primo risultato sarà una cartina di Google Maps interattiva in cui viene mostrata l’ultima posizione aggiornata del dispositivo.

A questo punto sarà possibile anche farlo squillare o richiedere una posizione aggiornata (se il telefono è spento, verrà mostrata l’ultima posizione rilevata).

Puoi inoltre, in casi estremi, sia bloccare il dispositivo che resettarlo cancellando tutti i suoi dati, nel caso in cui sia finito nelle mani sbagliate.

Non solo: nel caso in cui tu sia in possesso di più di un dispositivo, questi appariranno tutti in un pratico menù a tendina tra cui sarà possibile scegliere. Naturalmente la maggior parte delle funzioni di cui abbiamo parlato sono disponibili solo nel caso in cui il dispositivo sia acceso e connesso a Internet, ma anche in caso contrario potremo localizzare l’ultima posizione registrata (in caso di smarrimento è più che sufficiente).

ProContro
Estremamente facile da utilizzare.L’utilizzo della funzione manda una notifica al dispositivo, allertando un potenziale malintenzionato di ciò che stai facendo. 
Disponibile su tutti i dispositivi con account Google.
Diverse funzioni oltre al tracciamento. 

Metodo 3. Come rintracciare un cellulare con “Trova il mio iPhone”

Un metodo simile a quello sopracitato ma dedicato solamente a geolocalizzare un cellulare con sistema operativo iOS (ovvero l’iPhone) è sfruttare la funzione “Trova il mio iPhone”.

In realtà quest app, installata di default nei dispositivi iPhone in passato, a partire dal 2019 è stata sostituita dall’app “Dov’è”, la quale mantiene le medesime caratteristiche. 

come rintracciare un iphone senza trova il mio iphone

Come usare questo metodo? 

Tra le varie caratteristiche, ce ne sono diverse che ricordano quelle offerte da Google: innanzitutto permette di localizzare il telefono sia tramite iCloud su un computer che tramite l’app iOS. Quindi, anche in questo caso è possibile far emettere un suono al telefono, bloccarlo con una password e resettare completamente tutte le informazioni che contiene.

In seguito, è stata aggiunta la possibilità di controllare da remoto lo stato della batteria del telefono.

E proprio come le sue funzioni sono simili al metodo precedente, così anche i suoi limiti: il dispositivo dovrà essere acceso e connesso per permettere un controllo in tempo reale, altrimenti le funzioni risulteranno essere limitate.

Fai attenzione: la funzione “Trova il mio iPhone” così come “Invia ultima posizione”, che permette di inviare automaticamente e regolarmente la posizione al Cloud, possono essere disattivate dal telefono nelle impostazioni. Per questo motivo potrebbe essere una buona idea che queste siano in realtà attive, prima di avere effettivamente la necessità di doverle utilizzare. 

ProContro
Intuitivo e di facile utilizzo.Metodo valido solo per gli iPhone. 
Disponibile di base sui vari iPhone.
Diverse funzioni aggiuntive.

Metodo 4. Rintracciare un cellulare gratis con “Trova Amici”

Stesso discorso per quanto riguarda l’app “Trova Amici”: sempre sviluppata da Apple per i suoi dispositivi, in questo caso non si parla di un’app nata per rintracciare il proprio telefono in caso di smarrimento, ma per rintracciare la posizione del telefono di ogni partecipante di un gruppo di persone. 

rintracciare un telefono

Come funziona il metodo? 

Questa è probabilmente la soluzione che richiede più lavoro pregresso, poiché non solo è necessario impratichirsi dell’app, ma anche coinvolgere un gruppo di persone nel suo utilizzo.

In questo modo non solo è possibile aiutare i propri amici in caso di smarrimento o è possibile incontrarsi più facilmente grazie alla possibilità di rintracciare il telefono con GPS, ma di conseguenza è possibile anche localizzare un cellulare perso chiedendo aiuto alle persone con cui si era condivisa la posizione in precedenza.

L’app è stata lanciata per la prima volta nel 2011 ed è stata utilizzata e aggiornata costantemente negli ultimi 10 anni.

ProContro
Funzioni aggiuntive oltre al rintracciamento del telefono. Metodo valido solo per gli iPhone.
App sociale da usare in famiglia o con gli amici.

Metodo 5. Rintraccia il tuo dispositivo Samsung con “Find My Mobile”

Fino a questo momento abbiamo visto diversi metodi validi, ma gli ultimi due erano fortemente dedicati solo al mondo degli iPhone. Come fare per rintracciare un telefono Android? Oltre all’utilizzo della funzione di Google e di mSpy, nel caso in cui il tuo telefono sia un dispositivo Samsung, allora potrai utilizzare la funzione “Find My Mobile” sviluppata dalla stessa casa di produzione. 

rintracciare la posizione di un cellulare

Come funziona questo metodo? 

Per farlo è sufficiente cercare il suo nome su Google: il primo risultato ti condurrà sul sito della Samsung in cui potrai effettuare l’accesso e procedere a geolocalizzare il cellulare che condivide il medesimo account Samsung.

Questo, naturalmente, solo nel caso in cui sul dispositivo sia stato effettuato l’accesso all’account Samsung in precedenza. Per quanto possa sembrare ridondante, soprattutto visto quanto detto in precedenza, molte persone sottovalutano l’account Samsung basandosi completamente su quello Google e potrebbero così ritrovarsi in difficoltà al momento del bisogno. 

ProContro
Facile e veloce, direttamente su browser.Metodo valido solo per Samsung.
Possibilità di sbloccare il telefono in caso di segno dimenticato.Se non hai configurato un account Samsung sul telefono, è inutile. 

Metodo 6. Come rintracciare la posizione di un cellulare Xiaomi?

Viste le diverse funzioni dedicate a un dispositivo in particolare, appare lecito chiedersi come rintracciare uno smartphone Xiaomi. Il funzionamento, anche in questo caso, è molto simile a quelli che abbiamo visto fino a questo momento.

rintracciare posizione cellulare

Come funziona questo metodo? 

Il primo passo è quello di registrare un account Xiaomi sul proprio telefono, altrimenti sarà impossibile rintracciarlo in seguito. Una volta ottenute le nostre credenziali di accesso, dovremo andare nelle impostazioni del telefono e inserirle nel proprio account.

A questo punto, il telefono è pronto per essere rintracciato: da un qualsiasi browser, è sufficiente accedere alla pagina web dello Xiaomi Cloud e cliccare sulla funzione “Trova il mio dispositivo”. Prima di questo, chiaramente, dovremo inserire i nostri dati e ancora una volta sarà possibile accedere alle funzioni a distanza come il suono di allerta, il blocco del dispositivo e la sua formattazione. 

ProContro
Funzioni aggiuntive simili ai metodi precedenti.Metodo valido solo per i dispositivi Xiaomi. 
Accesso rapido e facile da browser.

Metodo 7. Come localizzare un telefono Windows?

Sebbene come sistema operativo sia meno diffuso rispetto ad Android e iOS (almeno per quanto riguarda i dispositivi mobile), ci sono numerose case produttrici che optano per questo sistema come Nokia o Lumia, quindi è importante offrire una possibilità di tracciamento anche a coloro che usano dati telefoni.

E, naturalmente, anche Windows offre una soluzione simile. Sono necessarie due premesse: questo metodo funziona solo se il dispositivo è connesso a Internet ed ha sufficiente batteria, ma lo stesso può essere detto per qualsiasi soluzione vista fino a questo momento.

Come funziona questo metodo?

Se hai effettuato il collegamento con il tuo account Windows sul tuo telefono, allora potrai andare sulla sezione Devices (dispositivi) sul sito di Microsoft e, dopo aver effettuato l’accesso, cliccare sulla funzione “Trova il mio dispositivo”.

Windows ti mostrerà la sua posizione attuale o, nel caso in cui non sia possibile farlo perché disattivato, l’ultima posizione salvata. È anche possibile provare a richiedere un aggiornamento della posizione manualmente ma non è detto che funzioni.

Una piccola nota: molti di questi metodi risultano simili tra di loro, ma niente ti impedisce di integrarne due nello stesso dispositivo. Ad esempio, è possibile usare sia il tracciamento di Google che quello di Windows o Samsung in modo da avere più scelte al momento del controllo sull’ultima posizione registrata del dispositivo prima che questo venisse spento (o si scaricasse). 

ProContro
Facile da utilizzare, diverse funzioni.Metodo valido solo per i dispositivi Windows.
Accessibile da tutti i browser.La posizione è approssimativa se il dispositivo è spento.
Non è necessario installare app aggiuntive.

Una conclusione sulla localizzazione del cellulare

Siamo arrivati alla conclusione di questo articolo di approfondimento: se stai leggendo questo articolo la speranza è che tu lo faccia per informarti prima di un’eventuale necessità di localizzazione, ma realisticamente parlando è più facile il contrario.

Buona parte di questi metodi, infatti, richiedono un’installazione pregressa per funziona o il collegamento con un account di qualche tipo. Se ti trovi nella situazione di prepararti per un potenziale problema futuro, allora valuta l’idea di investire un po’ di più e avere la certezza della posizione tramite un’app come mSpy.

Se invece hai già smarrito il tuo telefono, cerca di trarre il massimo dalla situazione e sfrutta i metodi che si adattano alle tue necessità: la possibilità di bloccare il telefono o formattarlo sembrano essere estreme, soprattutto perché si spera sempre di ritrovarlo, ma considerate le informazioni che i telefoni contengono e la possibilità di pagare con essi, talvolta può essere la soluzione più saggia per evitare rischi maggiori.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *